Nazionalbolscevismo

PATRIA POPOLO RIVOLUZIONE SOCIALISMO LIBERTA' ECOLOGIA DECRESCITA NATURA


    Nuova legge per equiparare i repubblichini ai partigiani

    Condividi
    avatar
    Nihil 1.1

    Messaggi : 30
    Data d'iscrizione : 19.03.11

    Nuova legge per equiparare i repubblichini ai partigiani

    Messaggio  Nihil 1.1 il Mar Mag 31, 2011 9:41 pm

    "Roma, 31 mag. (TMNews) - Repubblichini come i partigiani. Scoppia la polemica su una proposta di legge del Pdl, all'esame della commissione Difesa della Camera. Primo firmatario, il deputato Gregorio Fontana. Si prevede che le associazioni degli ex combattenti della Repubblica sociale di Salò possano avere lo stesso riconoscimento dell'Anpi e delle altre associazioni ex combattentistiche, ricevendo anche contributi statali. Secondo la proposta perché queste associazioni siano giudicate di interesse delle Forze Armate, devono essere "apolitiche" e i loro statuti devono rispettare i principi di democrazia interna. Al ministero della Difesa spetta - sempre secondo la proposta - vigilare non solo sulla legittimità dei loro statuti, ma sulle attività stesse delle associazioni. Norme contro le quali è insorta l'opposizione, con il Pd che ha presentato una propria proposta nella quale si prevede il riconoscimento solo per le associazioni di quanti sono stati "legittimamente belligeranti", escludendo quindi i reduci della Repubblica sociale; la vigilanza del Ministero soltanto sullo statuto delle Associazioni; le Associazioni sotto l'Alto patronato della Presidenza della Repubblica, per "sottrarle alla maggioranza di turno". "Poco più di un mese fa - ha ricordato la vicepresidente dei deputati del Pd Rosa Calipari - il Pdl ha presentato al Senato una proposta che abrogava il divieto di ricostruire il partito fascista, oggi ci riprovano alla Camera con il riconoscimento delle associazione dei combattenti di Salò? O forse a spingere l'onorevole Fontana c'è la necessità di rivangare il passato per dimenticare l'inglorioso presente? Due anni fa Berlusconi, eravamo al 25 aprile, bloccò la proposta dicendo di non saperne nulla. Oggi, di certo impegnato in altre discussioni, sarà ancora distratto. Ma noi non siamo distratti, ci siamo opposti allora e lo faremo anche ora. Mai i partigiani potranno essere messi sullo stesso piano dei repubblichini"


    Siccome il tema ritorna periodicamente ormai da 3 legislature, sarebbe il caso di prendere una posizione chiara e riconoscibile. Questa è la mia idea: siccome ormai la storiografia ha la distanza cronologica necessaria per guardare gli eventi con un minimo di obbiettività, è impossibile continuare a spacciare come storico il mito della resistenza e dei resistenti come il Bene incarnato, sarebbe il caso quindi di aggiornare i libri di storia, secondo questa prospettiva: la resistenza fu un movimento patriottico formato da più anime (cattolica, liberale, monarchica,comunista, ecc) che combatté da una parte l'occupante tedesco dall'altra gli italiani rimasti fedeli al Duce, conducendo quindi nel contempo una guerra di liberazione dallo straniero e una guerra civile (cosa ancora negata da certa storiografia comunista); ebbe come ogni movimento le sue luci e le sue ombre (riconoscendo quindi che ci furono processi frettolosi, vendette personali, ecc), ma rimane il caposaldo in cui ogni italiano deve riconoscersi per partecipare alla vita politica. Per me questo non è un compromesso politico, ma il semplice riconoscimento che la storia non si può confondere con la mitologia politica.






    avatar
    ULTIMA LEGIONE

    Messaggi : 25
    Data d'iscrizione : 14.05.11

    Re: Nuova legge per equiparare i repubblichini ai partigiani

    Messaggio  ULTIMA LEGIONE il Dom Giu 19, 2011 11:07 am

    Sono d'accordo con la tua conclusione, come socialisti rivoluzionari e nazionalitari dovremmo rifiutare le polemiche pretestuose di chi approfitta della storia per fare mera polemica politica attuale.

    PS: ma esistono ancora in vita repubblichini? Surprised

      La data/ora di oggi è Lun Lug 16, 2018 12:46 pm